Archivi categoria: IC-756Pro3

Nuovo Icom IC756Pro3 – HF/50Mhz Tranceiver



RF-B UNIT Pro3: NEWS!! Da un approfondito esame del circuito e della foto ho individuato una interessante possibile opzione che la Icom ha previsto, senza renderla nota: l’uscita J1651– un mini-coax jack libero (vedi al centro della foto) – che è connesso con una capacità di 5 pf al segnale di 1^ IF 64.455 MHz, dopo la L1018 (coil combinatore dei segnali RX A e B dual watch) e prima di entrare in L1701 coil di imput al roofing filter. Pertanto dal J1651 si può prelevare un segnale If a larga banda per interessanti applicazioni (Decodifica DRM -Digital Radio Mondiale, sistema di trasmissione digitale non proprietario previsto per le LF, MF e HF – ed altri recenti modi per comunicazioni digitali con BW 10 -20 KHz, tipo l’Icom D.STAR -voce + dati! ecc.)

Questa uscita (da portare all’esterno con cura) consente l’analisi dei segnali da 100 KHz a 60 MHz in banda base ed altre misure con software per PC e scheda audio (esempio: software open sourse (GPL) DReaM ed altri SW reperibili nei vari siti OM) Spero che questo possa essere una utile info per chi è interessato ad approfondire tale possibile moderna sperimentazione () Non si assume responsabilità per eventuali problemi al tranceiver per operazioni errate o non idonee tecnicamente. (Ogn’uno opererà a proprio risco) Le foto si ingrandiscono con un click!



IC756Pro3: Con molta attenzione il nuovo Tranceiver Icom è stato aperto per le prove tecniche e per la descrizione delle modifiche illustrate nelle foto.



IC756Pro3: Vista di insieme del lato inferiore, si nota il telaio in pressofusione che contiene le schede nei diversi scomparti con un cablaggio molto ordinato e razionale. La ventola (a sinistra) ora raffredda lo stadio finale in caso di alta temperatura anche durante la ricezione.



Display TFT 5″ : Analizzatore di spettro in tempo reale, con possibilità di “mini-scope” per monitorare lo spettro di frequenza mentre si utilizza altro menu. Esempio: Multi-function miter (in basso) – Spectrum scope (al centro) mentre le altre informazioni (VFO A – B – Filtri – BW – SFT – Ora locale e ora UTC (in alto)



Filter unit – PA 100W: Immagine dell’altra parte dei filtri di banda per trasmissione.

Si notano anche i nuovi toroidi dei filtri su 12V CC e due ferriti sui cavi + di alimentazione.



Filter A Unit – PA 100W: Il segnale di potenza dal PA viene filtrato attraversa 8 sezioni di LPF commutati da 14 relè Taiko TB160 per le HF e da 2 relè Nais AG201344 per i 50MHz. I filtri sono stati modificati e coprono le seguenti bande: (L1: 1,9 – L2: 3,5 – L3: 5 e 7 – L4: 10 – L5: 14 – L6: 18 e 21 – L7: 24 e 28 – L8: 50 MHz) (New band 5,33 -5,40MHz ch: USA OM only)



Roofing Filter: Dopo il Quad Mixer bilanciato della 1^ IF, è montato il nuovo filtro “a tetto” a 64.455 MHz con BW 15 kHz (identico al 7800). Questo introduce una migliore selettività sui segnali laterali riducendo la distorsione del segnale ricevuto. Nella foto, il roofing filter, è segnato con il n° 89!! tra le due bobine L 1701 e 1702 di adattamento dell’impedenza per il segnale IF.

(C’è spazio per studiare una possibile modifica per un altro filtro a 6kHz !! Come nel 7800!)



RF B Unit – Primo Mixer IF: Il circuito mixer (Quad FET analog switch arrays) utilizza n° 4 FET 2SK1740 (Sanyo N- junction silicon FET) ed è stato ridisegnato completamente. Come si nota nella foto, il circuito e i componenti sia discreti sia SMD sono tutti nuovi rispetto al Mixer del ProII. —– (Nel 7800 viene utilizzato un quad switch arrays simile per le sole HF, però con un Chip SD5400cy – (Hig Speed DMOS Quad FET Analog Switch Arrays), mentre per i 50Mhz un mixer separato con un N-FET MMBFU310 ! (simile al J-310).



RF A Unit PreAmp: I due nuovi PreAmp sono realizzati su una scheda separata (B6185A) con componenti simili al 7800. Il PreAmp1 utilizza due Sanyo 2SC5551 in push-pull con feedback – (NPN epitaxial planar silicon transistor high freq. – ft 3,5 GHz!) – Il PreAmp2 un solo transistor 2SC5551. I circuiti presentano gli stessi principi di progetto del 7800.



RF A Unit: La nuova scheda del BPF2, con induttori più grandi, seleziona 5 bande di frequenza (B1:1,60/1,999 – B2:2,00/2,999 – B3:3,00/3,999 – B4:4,00/5,999 – B5:6,00/7,999 MHz) – La commutazione è fatta con diodi Toshiba epitassiali 1SV307. Per l’imput RF e per gli attenuatori (6-12-18 db) sono usati 3 nuovi Relè della SDS (RL101/121 e 122) Mod. ATN203 a doppio contatto (Simili agli FTR-B4CA del 7800!) – Da 8,00 a 60,00 MHz i segnali RF passano su altri 6 settori del BPF1 realizzato direttamente sulla scheda base con componenti SMD.